mercoledì 9 novembre 2016

COME APPRENDIAMO AD AMARE (riflessione per i propri figli)

Si apprende a vedere, riconoscere, amare sé stessi, facendo l' esperienza di essere visti, riconosciuti ed amati.
Se quando eravamo piccoli, alcuni nostri aspetti, bisogni, sentimenti non sono stati visti e riconosciuti, crescendo impariamo a non vederli e a non riconoscerli.
Se siamo stati criticati, impariamo a criticarci.
Se siamo stati derisi, impariamo a svalutarci.
La nostra ferita originaria viene così aggravata dal nostro comportamento appreso: ripetiamo continuamente al nostro interno gli schemi relazionali che ci hanno fatto soffrire (::::)
Ogni problema psicologico, ogni sofferenza emotiva trova qui la sua radice * disturbo della capacita' di amare*.
Gli esseri umani sono dotati di una naturale capacita' di amare, cosi' come sono dotati di una normale capacita' di muoversi, camminare,vedere, ascoltare, parlare. Ogni capacita' ha pero' bisogno di essere esercitata. Ha bisogno del contesto adatto, ove siano disponibili modelli da imitare. Se il contesto e i modelli d' amore sono disfunzionali, possiamo andare incontro ai disturbi della capacita' di amare
Tutti i problemi umani sono varianti di un'unico tema ..* L INCAPACITA' APPRESA DI AMARE*

                                                                                           Salvo Noe'

FIGLI

Dona ali per volare
radici per tornare
e motivi per rimanere

                    D. LAMA

IL FOCOLARE E IL FARO

Il nostro primo modello d'amore é quello dei nostri genitori.
Li incontriamo da piccoli e con loro facciamo i nostri primi passi.
Nel grembo materno, troviamo la nostra prima casa, il "focolare" e nei muscoli paterni troviamo la nostra prima forza "il faro".
Da loro apprendiamo ad amare e ad essere amati.

                                                                                   Salvo Noé

giovedì 19 maggio 2016

BRACCIA

                                              "Nel passaggio da casa a scuola
                                                ci sono braccia che lasciano andare
                                                .... ma ci sono braccia
                                               che prendono, che accolgono,
                                               che sostengono il bambino
                                               in questo passaggio di mani e di menti"


                                                                                    R. Bosi

IL BAMBINO E LA RABBIA

Molto spesso si parla di quali siano le cause dei conflitti e delle aggressività e di come eliminarle nei bambini piccoli, ma spesso non si prende in considerazione che questo tipo di manifestazioni hanno anche un aspettto evolutivo e fisiologico.
Ogni bambino ha la necessità di sperimentare anche le emozioni negative che non sono altro che un percorso di crescita e che opportunamente gestite faranno sì che il bambino riesca poi a relazionarsi in modo adeguato anche in maniera autonoma.

Silvana

martedì 17 maggio 2016

C'è molto da fare

" C'è molto da fare attorno alla scuola dei bambini, c'è una grande sete di conoscere, di discutere, di provare, sopratutto di rinnovare, di fare piazza pulita dei compiti assistenziali e di supplenza, di aprirsi alla  sperimentazione, alla ricerca, a un nuovo modo di concepire il bambino, la scuola, l'educazione, la socialità del bambino e della scuola, il lavoro delle insegnanti, il partecipare alla cultura"...

" Fare una scuola amabile (operosa, inventosa, vivibile, documentabile e comunicabile, luogo di ricerca, apprendimento, ricognizione e riflessione) dove stiano bene bambini, insegnanti e famiglie, è il nostro approdo"

                                                                                                       Loris Malaguzzi

INVECE IL 100 C'E'

" Nonostante tutto è lecito pensare che la creatività, come lo stupore e lo stupore del conoscere(...) possa essere il punto di forza del nostro lavoro nella speranza che essa possa diventare una normale compagna di lavoro nell'evoluzione dei bambini.
                                                                                                                 Loris Malaguzzi




         INVECE IL 100 C'E'
IL bambino
è fatto di cento.
Il bambino ha
cento lingue
cento mani
cento pensieri
cento modi di pensare
di giocare di parlare
cento sempre cento
modi di ascoltare
di stupire
di amare
cento allegrie
per cantare e capire
cento modi
da scoprire
cento mondi
da inventare
cento mondi
da sognare.
Il bambino
ha cento lingue
(e poi cento cento cento)
ma gliene rubano novantanove.
La scuola e la cultura
gli separano la testa dal corpo.
Gli dicono:
di pensare senza mani
di fare senza testa
di ascoltare e di non parlare
di capire senza allegrie
di amare e di stupirsi
solo a Pasqua e a Natale.
Gli dicono:
di scoprire il mondo che già c'è
e di cento
gliene rubano novantanove.
Gli dicono:
che il gioco e il lavoro
la realtà e la fantasia
la scienza e l'immaginazione
il cielo e la terra
la ragione e il sogno
sono cose
che non stanno insieme.

Gli dicono insomma
che il cento non c'è.
Il bambino dice:
invece il cento c'è

                    Loris Malaguzzi

martedì 3 maggio 2016

                                      OPENDAY

                 SABATO 7 MAGGIO
                 dalle ore 10,00 alle ore 18,00
               

                    PROGRAMMA
           
                  ore 10,00 inizio openday: viaggia con noi alla scoperta del nido
                  ore 11,30 aperitivo
                  ore 14,30- 15,30 incontro gratuito:
                                              un, due, tre...paroliamo!
                                              a cura dell' equipe Paroliamo
                                              Studio di terapia logopedica, potenziamento cognitivo e
                                              counselling sistemico-relazionale
       
                                              Un momento di formazione su:
                                              Sviluppo del linguaggio nei primi 3 anni di vita
                                              Strategie per supportarne la crescita
                                              I segnali che indicano una fatica in quest'ambito

                 ore 17,00 facciamo merenda
                 ore 18,00 chiusura openday


                 VENITE A CONOSCERCI !!
                            VI aspettiamo al Nido!!

                 Barzanò (Lc) Via Garibaldi 117
                 tel 039 955072

giovedì 28 gennaio 2016

           OPENDAY

SABATO 6 FEBBRAIO 2016

DALLE ORE 10,00 ALLE 18,00

VENITE A CONOSCERCI!
a Barzanò (LC) via Garibaldi 117

  
                     PROGRAMMA

ore 10:00  Inizio open-day: viaggia con noi alla scoperta del nido

ore 11:30  Aperitivo

ore 15:00  INCONTRO GRATUITO

EDUCAZIONE ALLA CORRETTA
ALIMENTAZIONE DI BAMBINI E ADULTI
a cura della biologa nutrizionista
dott.ssa Francesca Meregaglia
  • panoramica sulle linee guida per una corretta alimentazione
  • impariamo a leggere le etichette nutrizionali
  • intolleranze alimentari nei bambini

ore  17:00  Facciamo merenda!

ore 18:00  Chiusura open-day

Per info: 039 955072
                3463027815